Web Agency • Software House • Applicazioni Mobile
Milano • Monza e Brianza

Android in volata, i dati trimestrali


home page obiettivi creativi Zerobytes

20.08.2012

Google spicca il volo, gli ultimi dati trimestrali parlano chiaro. Certo, la Forza scorre potente anche in iOs ma il balzo più lungo da un anno a questa parte l'ha fatto proprio il sistema operativo di Big G. Secondo i dati diffusi da Idc Research pochi giorni fa, nel secondo trimestre del 2012 sono stati venduti più di 104 milioni di terminali Android su una somma di 154 milioni di smartphone totali.
La percentuale sul totale è del 68,1%, con Apple che – con 26 milioni tondi di iPhone venduti – si ferma al 16,9%. Per la mela aumentano quindi le vendite rispetto all'anno scorso (poco più di 20 milioni di unità vendute), ma scende la percentuale sul totale, che nello stesso periodo del 2011 si attestava al 18,8% del totale. I due giganti insomma crescono entrambi, ma a velocità differenti. E anche Windows Phone è avanzato più rapidamente della mela, raddoppiando il numero di unità vendute (da 2,5 a 5,4 milioni) e aumentando di un punto la sua penetrazione sul mercato (dal 2,3% al 3,5%).
Crollano i colossi dei primi anni 2000: Symbian soccombe davanti al parziale abbandono da parte diNokia proprio per Windows Phone, e passa dal 16,9% al 4,4%; mentre BlackBerry OS, vittima di un'innovazione che non arriva (speriamo nella versione 10), crolla dall'11,5% al 4,8%. In totale, i due ex punti di riferimento del mondo smartphone passano dal quasi 30% totale dell'anno scorso a neanche il 10% di quest'ultimo trimestre.Apple insomma è l'unica al momento che riesce a portare avanti con successo un sistema operativo proprietario senza soccombere al modello multipiattaforma adottato da Google e Microsoft. E a dire il vero per quanto i dati diffusi da Idc parlino chiaro, la mela sta vivendo un periodo di prosperità senza precedenti. Per rimanere in sella però ha già pensato di anticipare l'uscita del prossimo iPhone a settembre, forse davvero per contrastare l'ultima ondata di Android di ultima generazione.

FONTE: www.wired.it